MURATURA > MURATURA ESTERNA > BLOCCHI DA INTONACO
 
-
  Blocchi da Intonaco
  Blocchi Facciavista
-
  Blocchi da Intonaco
  Blocchi Facciavista
-
  Blocchi Splittati
  Facciavista Lisci
  Blocchi Sabbiati
  Blocchi Graffiati
  Mattone Antique Brick
-
  Blocco Soft

-
  Classici Antiusura
  Drenanti
  Anticati
-
  Piastre
-
  Cordoli Stradali
  Cordolo per Aiuola

  Botanico
  Terra Lock
  Grigliato da Scarpata
     
 
<< Torna Indietro

----- Domande Frequenti -----


DOMANDA:

Il blocco in laterizio è preferibile poichè il mattone in terracotta è un materiale pù "antico" dei conglomerati in cemento.

RISPOSTA:
Vi sono dei dubbi.
Il mattone in terra cruda essiccato al sole è sicuramente il "prefabbricato" più antico, poichè si basa su un concetto primitivo ed è realizzabile senza alcun particolare accorgimento, ma non è certo che questo si possa affermare anche per il mattone in terracotta. Recentemente ha trovato consensi la teoria del Professor J. Davidovidis, esperto di geopolimeri e mebro della Associazione Internazionale Egittologi, che ipotizza che i grandi blocchi con cui gli Egizi costruirono le piramidi non siano stati cavati altrove, squadrati, trasportati e posti in opera con misteriose attrezzature, ma siano stati formati in loco aggoloomerando la sabbia con del carbonato di sodio, in pratica una specie di "calcestruzzo". Teoria avallata dal ritrovamento di alcuni capelli all'interno di un blocco sgretolato.
I Romani erano maestri di architettura, tanto che la parola Calcestruzzo, deriva dal latino "calcis structus" cioè struttura a base di calce. La cupola del Phanteon di 43metri di diametro ed oggi perfettamente conservata, è stata realizzata con un getto monolitico di calce e pomice per ordine dell'Imperatore Adriano nel II° sec. D.C. è il primo esempio di calcestruzzo leggero.


DOMANDA:
E' preferibile usare il blocco in laterizio perchè, sempre perchè "è un materiale antico" siamo sicuri che ci garantià una casa più asciutta, isolante e confortevole.

RISPOSTA:
Questo non è corretto.
E' noto che ogni materiale suscettibile di inumidirsi (non il vetro ad esempio) perde il potere di isolare quando assume umidità, e che le "prove" ed i "calcoli" effettuati nei laboratori si basano su dei valori di conducibilità termica ottenuti o ipotizzati sul materiale perfettamente asciutto. E' sufficiente fare questa banale prova, senza scomodare un laboratorio: si immergano due blocchi asciutti, uno in laterizio isolante ed uno in calcestruzzo leggero in una bacinella colma d'acqua. Si verifichi dopo un mese il livello di risalita dell'umidità, ed avremo questo risultato:

 
<< Torna Indietro
 
TECNOBLOK srl - Via Aurelia Sud, n.10 - 57023 Cecina (LI) - Telefono e Fax: +39 0586 630904 - E-mail: infotecnoblok@alice.it

Copyright © Tecnoblok Srl. Tutti i diritti riservati. | P. IVA: 01799880495
Marchi registrati e segni distintivi sono di proprietà dei rispettivi titolari.

    by: Warning Web